Cronaca

Forse a breve mercenari siriani in Afghanistan

14 settembre 2021 Servizio ripreso da Giuseppe Gagliano/START Magazine Foto: START Magazine

ROMA - La Turchia potrebbe prepararsi a schierare mercenari in Afghanistan entro questo mese di settembre. Fonti siriane locali riferiscono che la Turchia sta reclutando mercenari siriani da schierare per proteggere l’aeroporto di Kabul, le istituzioni governative e le forze internazionali per uno stipendio mensile relativamente elevato di 3.000 dollari.
Secondo quanto indicato da Intelligence on Line, i funzionari dell’intelligence turca hanno chiesto ad almeno cinque fazioni dell’esercito nazionale siriano sostenute dalla Turchia di preparare un lotto iniziale di 2.000 soldati entro settembre.
La società militare privata turca SADAT probabilmente guiderà il reclutamento e il trasferimento di mercenari siriani in Afghanistan in linea con le sue passate responsabilità in Libia e nel Nagorno-Karabakh.
SADAT è una società di sicurezza privata turca fondata dallo stretto alleato di Erdogan e dal generale di brigata in pensione Adnan Tanriverdi. SADAT ha attirato critiche nazionali e internazionali per il suo ruolo segnalato nell’addestramento delle milizie islamiste in Siria.
La Turchia e la Russia potrebbero cercare di spostare i gruppi estremisti da Idlib in Afghanistan, secondo quanto riportato da fonti di notizie russe.
L’agenzia di stampa russa ANNA News ha affermato che la Turchia e la Russia potrebbero negoziare affinché la Turchia mantenga la sua promessa di eliminare la presenza estremista da Idlib in Siria spostando i combattenti in Afghanistan o ai confini del Tagikistan e del Kirghizistan. Sia gli interessi turchi che quelli russi trarrebbero beneficio da un esodo di combattenti stranieri dall’area di Idlib.
Un’offerta di successo per aiutare a stabilizzare l’Afghanistan o sostenere i giusti leader interni potrebbe dimostrare che la Turchia è un attore necessario nella regione e un importante partner di sicurezza per i suoi alleati all’interno e all’esterno della Nato.
Ankara potrebbe migliorare le relazioni tra Stati Uniti e Turchia e rafforzare l’influenza turca sugli Stati Uniti, impegnandosi in una missione chiave incoraggiata dalla Nato in Afghanistan. Un appoggio diplomatico-militare turco in Afghanistan potrebbe fornire ulteriori vantaggi alla Turchia come l’accesso economico, miglioramenti alla sua posizione di sicurezza globale e una maggiore proiezione di potere in Asia centrale.
La Turchia probabilmente cerca di sfruttare la partenza della NATO e l’avanzata dei talebani come punto di svolta per massimizzare il suo impatto in Afghanistan.
L’espansione della presenza turca con il supporto per procura siriana potrebbe proteggere meglio le truppe turche e massimizzare il ruolo di intermediario della Turchia. La Turchia potrebbe cercare di estendere la sua presenza politica e militare oltre l’aeroporto per aggiungere profondità operativa alle sue missioni in Afghanistan. I funzionari turchi cercano di ridurre al minimo il rischio di vittime e i costi finanziari discutendo accordi di sicurezza con gli Stati Uniti, l’Iran, l’Afghanistan e i paesi confinanti con l’Afghanistan. Tuttavia, la messa in sicurezza dell’aeroporto di Kabul rimarrà una missione ad alto rischio per le forze armate turche.
Acquisire assicurazioni dietro le quinte e accordi di sicurezza da partner regionali come il Pakistan o dai talebani sarà probabilmente un requisito per la Turchia per mantenere le truppe dopo il ritiro della NATO.
In ultima analisi i mercenari siriani possono fornire alla Turchia ulteriori capacità di proiezione di potenza .