Cronaca

Dalla Germania 25 mln euro

1 febbraio 2020 Servizio ripreso da Sputnik Foto: sputnik.Mikhail Voskresenkiy

BERLINO - La Germania fornirà 25 milioni di euro supplementari alla Turchia per la costruzione di alloggi temporanei per rifugiati nella provincia siriana di Idlib, ha affermato oggi durante un briefing per la stampa a Berlino il portavoce del ministero degli Esteri tedesco Christofer Burger.
"Il ministero degli Esteri della Germania sosterrà gli sforzi della Mezzaluna rossa turca per costruire alloggi temporanei, stanziando ulteriori 25 milioni di euro. La Germania è uno dei maggiori donatori nella lotta alla crisi in Siria. Nel 2020 avevamo già stanziato 28 milioni di euro per l'assistenza ai rifugiati nella Siria nord-occidentale", ha dichiarato il portavoce del dicastero.
Il portavoce del Governo tedesco Steffen Seibert ha fatto notare che al momento nella provincia di Idlib “la situazione umanitaria è disastrosa”.
“Sentiamo costantemente notizie sull'offensiva del regime siriano e dei suoi alleati nella regione di Idlib e sui metodi spietati e crudeli con cui viene eseguita l’avanzata, sui raid aerei contro i civili, sentiamo parlare di civili uccisi. Queste notizie suscitano preoccupazione in noi”, ha detto Seibert.
Nello scorso mese di dicembre Damasco ha avviato un’operazione militare contro il gruppo jihadista Tahrir al-Sham e i suoi alleati che operano finora nella provincia di Idlib. Secondo diverse stime, in questa provincia si trovano da 10.000 a 50.000 terroristi.
I politici occidentali accusano Siria e Russia di colpire siti umanitari nel nord-ovest del Paese. Mosca e Damasco negano tali accuse. In particolare, l'ambasciatore della Russia alle Nazioni Unite, Vasily Nebenzya ha dichiarato che a scatenare l’escalation ad Idlib sono state le azioni dei terroristi e non dell’esercito siriano, che si ritrova costretto a rispondere agli attacchi dei miliziani e condurre operazioni limitate per neutralizzare l'attività terroristica.
Il conflitto armato in Siria è in corso dal 2011. Alla fine del 2017, è stata annunciata la vittoria sul gruppo terroristico dello Stato Islamico in Siria e Iraq. In alcune zone del Paese però continua la lotta contro i militanti.