Cronaca

Avvertimento russo ad Ankara e Washington

lunedì 2 settembre 2019 Servizio ripreso da l'Antidiplomatico Foto: l'Antidiplomatico

MOSCA - La Russia sta tenendo d'occhio i colloqui tra Stati Uniti e Turchia su una zona di sicurezza nella Siria nord-orientale, ha dichiarato il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov.
"Stiamo tenendo d'occhio i colloqui tra Stati Uniti e Turchia sulla zona di sicurezza al confine tra Siria e Turchia. Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, che ha visitato la Russia la scorsa settimana e ha avuto colloqui con il presidente Vladimir Putin, ha informato in dettaglio di questi colloqui , sui problemi che finora sfidano la risoluzione", ha affermato.
Lavrov ha poi osservato Lavrov: "Vogliamo che tutte le decisioni prese nel contesto dei colloqui Usa-Turchia rispettino gli interessi delle tribù arabe che abitavano tradizionalmente nei territori che sono ora teatro di sviluppo sulla sponda orientale dell'Eufrate".
Secondo il capo della diplomazia russa, Mosca sosterrebbe solo quelle soluzioni nel nord-est della Siria che rispettano la sovranità di questo paese. "Sosterremo solo quelle soluzioni che rispettano appieno la sovranità e l'integrità territoriale della Siria", ha sottolineato.
 Le forze armate turche e statunitensi hanno concordato il 7 agosto scorso di istituire un centro operativo congiunto in Siria. Il primo gruppo di militari statunitensi è arrivato nella città turca di Urfa (Sanliurfa), situata a circa 50 km dal confine siriano, il 12 agosto.
 Il centro è stato istituito dai due paesi per realizzare un piano di creazione di un cuscinetto zona nel nord della Siria per accogliere i rifugiati siriani di ritorno dalla Turchia, che vede quella zona come una "cintura di sicurezza" lungo il suo confine. Ankara insiste per esercitare il controllo sulla zona.