Cronaca

Primo caccia di V generazione

lunedì 2 settembre 2019 Servizio ripreso da Valerie Insinna/l'Antidiplomat Foto: l'Antidiplomatico

ISTANBUL - La Turkish Aerospace Industries sta sviluppando il primo caccia di quinta generazione della Turchia, già da un po’ di tempo, ben prima dell’esclusione della Turchia nel programma F-35.
Il TAI TF-X (Turkish Fighter - Experimental) è destinato a combinare il meglio di un caccia stealth di superiorità aerea, con capacità di attacco a terra aggiuntive e una vasta gamma di sensori, radar all'avanguardia, controllo dei droni in rete e capacità missilistica ipersonica.
Il jet da combattimento sarà caratterizzato da due motori, un solo pilota e funzionalità invisibili come le baie interne per le armi. Perché?
Raddoppiare i motori equivale a una velocità maggiore, assicurando che le manovre ad alta intensità energetica non facciano perdere troppa velocità al caccia che altrimenti potrebbe diventare vulnerabile o surclassato da un avversario più veloce.
Avere un solo pilota offre agli ingegneri molto più spazio per caricare più tecnologia nell'aereo ed è possibile solo con un'automazione pesante che consente al pilota di concentrarsi sull'obiettivo della missione, invece di far funzionare il jet da combattimento.
Quando si tratta di azione staelth, le armi montate esternamente aumentano la visibilità del velivolo sul radar. Il TF-X includerà anche funzionalità invisibili come un corpo avanzato in carbonio composito che mira a riflettere il radar.
È previsto un prototipo di volo entro il 2023, con il primo aereo previsto per il 2025 e l'intera flotta di 250 sarà operativa entro il 2032. Si prevede che sostituiranno la vecchia flotta turca di 245 aerei da combattimento F-16, che hanno solo un motore, tra gli altri inconvenienti.
La TF-X potrebbe rimanere in servizio fino agli anni 2070.
Nel gennaio 2017, l'allora primo ministro britannico Theresa May e il presidente turco Tayyip Erdogan hanno firmato un contratto da 137 milioni di dollari per BAE Systems per consigliare e assistere TAI nello sviluppo del TF-X, con contratti di follow-up probabilmente in linea con il futuro.
La Turchia ha ricevuto supporto da Saab Aerospace per la progettazione concettuale, Dassault Systems in Francia per il supporto software e BAE Systems per un supporto tecnico dettagliato. Queste aziende sono tutti giganti aerospaziali.
Inizialmente, c'erano colloqui con la Corea del Sud per unire il progetto con il programma coreano di caccia sperimentale in corso con l'Indonesia. Ma i paesi avevano esigenze e priorità di difesa diverse, che incidevano sulla progettazione. Dato il ruolo degli Stati Uniti nella rimozione della Turchia dal programma F-35, non sembra fattibile che Lockheed Martin sia un partner.
L'Air Force turca possiede circa 240 F-16 e quasi 40 F-4. Gli F-4 sono alla fine della loro vita di servizio. Trenta degli F-16 sono dei modelli più recenti ricevuti tra il 2011 e il 2013. Ma in generale, l'aeronautica turca deve colmare una lacuna strategica all'inizio del 2020 quando alcuni dei suoi caccia più vecchi saranno ritirati.
Nel frattempo, vicini come la Grecia hanno espresso interesse per gli F-35 e hanno potenziato i loro F-16, mentre tutti i paesi limitrofi perseguono aerei da caccia di quarta o quinta generazione. Con la sospensione della Turchia dal programma F-35, sembra ancora più necessario sviluppare un caccia stealth indigeno che funzioni bene con la copertura missilistica a lungo raggio fornita dall'S400 che ha procurato di recente dalla Russia.
Con il suo caccia di quinta generazione, la Turchia trarrebbe profitto vendendolo ad altri paesi, godendo al contempo di una maggiore sicurezza nazionale con una catena di approvvigionamento che non può essere minacciata da sanzioni.