Cronaca

Tiro al bersaglio su Ataturk

mercoledì 17 novembre 2017 Giordano Stabile/La Stampa Foto: La Stampa

ISTANBUL  -  Un incidente alimenta le tensioni fra la Turchia e la Nato, esplose dopo il tentato colpo di Stato del 15 luglio 2016.
Ankara ha ritirato i suoi militari, una quarantina, dopo che l’immagine del fondatore della Repubblica turca, Mustafa Kemal Ataturk, era stata usata come bersaglio per il tiro di precisione durante le esercitazioni congiunte di Forze armate dell’Alleanza atlantica in Norvegia, al Joint Warfare Centre di Stavanger. 
Gli ufficiali hanno informato il presidente Recep Tayyip Erdogan che ha ordinato loro di ritirarsi dalle esercitazioni “immediatamente”. In un altro incidente, un soldato, non si sa di quale Paese, ha insultato il leader turco sui social media. I militare, insieme a un tecnico, sarebbe poi stato licenziato. Il Segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg ha chiesto scusa a nome dell’Alleanza: “Gli episodi sono il risultato di azioni individuali e non rispecchiano la visione della Nato”, ha spiegato.