Tweets

Scavi italiani a Nigde

20 settembre 2018 AnsaMed Foto: AnsaMed

ISTANBUL - Si è conclusa in Turchia l'ottava campagna di scavo nel sito archeologico di Kinik Hoyuk a Nigde, nell'Anatolia centrale, frutto di un progetto di ricerca congiunto delle università di Pavia (dipartimento Studi Umanistici) e di New York (Institute for the Study of the Ancient World), sotto la direzione del dott. prof. Lorenzo d'Alfonso e con il patronato del Direttorato generale per le Antichità e Musei del ministero della Cultura e del Turismo turco.
L'attività di scavo - svolta anche con il supporto economico del nostro ministero degli Esteri e di un fondo del Metropolitan Museum of Art (MET) di New York e con una sponsorizzazione di Turk Traktor - si è rivelata "particolarmente ricca di scoperte e rinvenimenti", secondo i responsabili della ricerca.
Quest'anno i lavori sono proseguiti con l'obiettivo di definire i limiti occidentali e meridionali del santuario emerso durante le campagne degli anni 2014-2016. In aggiunta, l'area è stata dotata di una copertura semi-permanente in vista della stabilizzazione e del restauro dell'intero edificio. La novità principale di questa campagna di scavo è stata la scoperta di reperti culturali e di architettura monumentale pubblica nell'area a est del santuario.
Nel corso della prossima campagna, prevista nel 2019, l'area di scavo verrà ulteriormente allargata a est della piazza.