Economia/agricoltura

Bond turchi in dollari, esplode lo spread

lunedì 10 gennaio 2022 Servizio ripreso da Giuseppe Timpone/Investire/Oggi Foto: Interris.it

ISTANBUL - La Lira turca è diventata nell’ultimo anno un asset più volatile dei Bitcoin. Del resto, abbiamo assistito a una bizzarria più unica che rara il mese scorso: tasso di cambio crollato ai minimi storici e in recupero del 25% contro il dollaro nella medesima seduta.
La valuta emergente, tuttavia, è tornata a deprezzarsi e a farne le spese sono anche i bond sovrani emessi dalla Turchia, sia in Lire che in dollari e altre valute forti.
La scadenza decennale in dollari 15 gennaio 2031 e cedola 5.95% (ISIN: US900123DA57) perde circa il 10.5% nell’ultimo mese, scendendo a una quotazione di poco superiore a 87 centesimi venerdì scorso. E così, il suo rendimento è salito all’8.27%. Era al 6.32% un mese prima. Nel frattempo, si è allargato lo spread con i Treasuries, i titoli di stato americani. Dai 480 punti base si è arrivati agli attuali 650. Il decennale di Zio Sam offriva alla fine della scorsa seduta l’1.72%, in rialzo dall’1.51% di un mese prima.
Dunque, ai danni dei bond della Turchia stanno accadendo due cose: anzitutto, i capitali fuggono dall’instabilità valutaria; al contempo, intravedono migliori opportunità d’impiego negli States, dove i rendimenti salgono per l’intravisto rialzo dei tassi FED da qui a qualche mese. Attenzione, poi, anche al rischio sovrano. Pur in calo dai massimi toccati a dicembre, i “credit default swaps” (CDS) a 5 anni si acquistano a circa 521 punti base, implicando un tasso di default atteso entro il quinquennio del 9.5%.
I CDS sono titoli che assicurano il capitale contro il rischio default, per cui il loro rincaro segnala una corsa del mercato a ripararsi da tale probabilità. Agli inizi dello scorso anno, il costo era ancora inferiore ai 315 punti base.
A preoccupare non è certo l’entità del debito sovrano turco, al 40% del PIL. Il problema è che buona parte di esso è denominato in valute forti come il dollaro e con il collasso della Lira tende a incidere maggiormente sui conti pubblici di Ankara. Inoltre, la banca centrale dispone di scarse riserve valutarie a cui attingere per i pagamenti. Insomma, esistono tutti gli ingredienti per una frittata indigesta agli obbligazionisti.