Turismo e viaggi

Le novità che ci attendono

12 dicembre 2020 Servizio ripreso da SiViaggia Foto: SiViaggia

ISTANBUL    Ci sono tanti, tantissimi motivi per scegliere come destinazione la Turchia. Basti pensare alla magia di Istanbul, una città che racchiude tutto il Medio Oriente e tutto l’Occidente, ma anche a Pamukkale, la cascata pietrificata il cui nome significa “fortezza di cotone”.
Ma nel 2021 ci saranno delle ragioni in più per fare un viaggio in Turchia, diverse novità, infatti, attendono i futuri viaggiatori.
Partiamo dal presupposto che, al momento attuale, il 13 giugno sono state abrogate le limitazioni dovute al Covid-19 relative all’attraversamento delle frontiere della Turchia per via aerea, terrestre e marittima e che la misura della quarantena obbligatoria è stata sostituita con uno screening sanitario all’arrivo nonché, per coloro che mostrino sintomi durante il controllo sanitario, e in tutti i casi in cui se ne rilevi la necessità, un test PCR gratuito, in esito al quale si potrebbero disporre un ricovero in apposite strutture ospedaliere.
Una Turchia, dunque, che riaccoglie in turisti e che non vede l’ora di mostragli tutte le novità. Un Paese in cui la cultura ha sempre giocato un ruolo fondamentale. E proprio per questo, anche in un anno così delicato come il 2020, la Turchia ha voluto dare un chiaro messaggio di sviluppo realizzando ad Ankara e a Istanbul nuovi gioielli architettonici unici al mondo.
Il primo esempio è la Sala Concerto di Ankara, la casa dell’Orchestra Sinfonica Presidenziale di Turchia (CSO) – tra le più antiche al mondo – collocata nel cuore della città, tra il castello e il monumento storico Anitkabir.  Un complesso straordinario e che colpisce per la sua acustica perfetta e per la sua architettura assai contemporanea. Del resto, la Sala Principale conta ben 2.023 posti, il Salone Blu 500 posti e il Salone Storico CSO 600 posti. Inoltre, ci saranno diverse aree destinate a concerti all’aperto, il museo dell’orchestra, la biblioteca, una sala archivio e uno shop. Una sorta di luogo all’interno della città da poter vivere tutto il giorno, un’area che produce arte e ispira le persone.
Stessa idea che verrà replicata nel Centro Culturale Ataturk (AKM) che a metà del 2021 darà un nuovo volto a Piazza Taksim ad Istanbul. Un progetto che, oltretutto, guarda con attenzione alla sostenibilità con l’ardito compito di rendere l’AKM uno dei migliori teatri d’opera e centri culturali del mondo capace di offrire un calendario di eventi di altissimo livello e dove la tecnologia avrà un ruolo davvero importante.
A colpire l’occhio del visitatore sarà sicuramente la facciata dell’imponente edificio anni ‘60, che allo stesso tempo sarà resa più trasparente al fine di mettere in evidenza il rosso del volume della sala principale, a forma di semisfera. Nella parte superiore dell’edificio principale, invece, ci sarà un ristorante con vista panoramica sul Bosforo che sicuramente catturerà l’attenzione di molti.
Insomma, non resta che organizzare un viaggio in Turchia nel 2021 per andare a scoprire tutte le bellezze di questa Terra unica, ma anche tutte le incredibili novità che ci attendono.