Turismo e viaggi

Una spada vichinga

29 novembre 2018 Servizio di Giulia Mattioli per Turismo.it Foto: Turismo.it

Gli scavi presso l’antica città di Patara, sulla costa sud-occidentale della Turchia, proseguono da molti anni. Ma le sorprese non finiscono mai: è recente l’annuncio di una scoperta singolare, ovvero una spada vichinga. Cosa ci fa una spada vichinga in quella che fu una importante città romana? Gli archeologi stanno cercando di capirlo, ma è probabile che il luogo in cui è stata trovata fosse un tempo anche la tomba di un guerriero vichingo. In ogni caso, si tratta di una evidente testimonianza delle relazioni tra questi popoli e l’Impero Romano d’Oriente.
La scoperta è stata fatta presso Patara, vero gioiello naturalistico e archeologico. Se da un lato le rovine dell’antica città rivelano ancora maestosamente sia l’epoca greca che quella romana (con tanto di acquedotti e anfiteatro), il mare è la principale ragione per la quale i visitatori vengono qui. Spiagge meravigliose si affacciano su un mare di un azzurro indescrivibile, in un tratto di costa che è stato dichiarato Parco Nazionale, perciò protetto. Sulla lunga spiaggia bianca vengono infatti a deporre le uova le tartarughe marine. Il piccolo villaggio dell’attuale Patara è anch’esso un gioiellino con costruzioni tipiche e piccoli negozi e ristorantini.
 

 

Qui nacque San Nicola di Bari. Trascorse gran parte della sua vita nella vicina a Myra (Demre) e difatti è da lì che si indica solitamente la sua provenienza, ma in verità è Patara il suo paese d’origine. E come forse già saprete, è da San Nicola di Myra che deriva la leggenda di Babbo Natale. Per gli appassionati di mito e leggenda inoltre Patara riserva un’altra chicca: secondo la tradizione fu fondata da Pataro, figlio di Apollo. E qui si trovava l’oracolo di Apollo, secondo solo a quello di Delfi per importanza nel mondo antico. 
 

 

Patara non è facile da raggiungere. La più vicina città è Antalya, collegata con Istanbul o Ankara via aereo. Ma da lì per arrivare a Patara occorre prendere più di un autobus. Forse è anche per questo che rimane incontaminata.
 

 

Nel piccolo villaggio troverete negozietti di souvenir, molti a tema San Nicola. Non proprio imperdibili, per usare un eufemismo.