FLASH2

Istituto storico turco prepara 25 volumi per confutare le accuse sul genocidio armeno

14 marzo 2019 Servizio ripreso da Fides Foto: Il Fogliettone.it

ANKARA - Un comitato di esperti dell'Istituto di storia turca ha sponsorizzato il lavoro di ricerca dei propri membri in archivi storici e biblioteche negli Stati Uniti, in Russia, in Germania e nel Regno Unito allo scopo di analizzare migliaia di fonti storiche, con l’intento di pubblicare l’esito di tali ricerche in una collana di 25 volumi orientata a confutare le accuse rivolte alla Turchia riguardo al cosiddetto genocidio armeno.
Un funzionario dell’Istituto – secondo quanto riportato da organi di stampa nazionali come Akºam – ha riferito che le ricerche storiche nei diversi Paesi si sono concentrate su documenti originali risalenti agli anni dal 1900 al 1915 rinvenuti negli archivi e nelle biblioteche dei diversi Paesi. Da tali ricerche, a detta del portavoce dell’istituto, sarebbe emerso che alcuni documenti sarebbero stati manipolati per accreditare le responsabilità della leadership turca nella pianificazione dei massacri anti-armeni perpetrati nella penisola anatolica nel 1915. Il funzionario ha anche chiamato in causa le responsabilità di formazioni armene in azioni violente compiuti in quegli anni convulsi ai danni della popolazione turca.
L’iniziativa editoriale, presentata come operazione di contropropaganda, viene annunciata mentre la comunità armena in Turchia è alle prese con i problemi legati alla successione di Mesrob II Mutafyan, il patriarca armeno apostolico di Costantinopoli scomparso lo scorso 8 marzo dopo aver vissuto negli ultimi anni in una condizione di totale disabilità, a seguito della malattia neurologica invalidante che lo aveva colpito nel 2008.