FLASH2

Milano infallibile al tiro: le triple regalano il successo ad Istanbul (98 a 92)

15 novembre 2018 Mirco Melloni/La Stampa Foto: La Stampa

ISTANBUL - Istanbul conferma lo status europeo di Milano, infallibile in trasferta e con un attacco pirotecnico. L’AX Armani vince 98-92 in casa del Darussafaka e sale a cinque vittorie in sette gare di Eurolega, un successo firmato dal 18-32 di squadra, al quale partecipa anche il rientrante Nemanja Nedovic (17 punti con 5-8 dalla distanza) accanto ai soliti Mike James (21 con 4-8 da tre), Vlado Micov (20 con 4-6) e Dairis Bertans (14 con 4-4). La precisione dalla distanza aiuta la squadra di Simone Pianigiani contro una squadra non irresistibile ma spinta dalla voglia di riscattare l’umiliante -46 della scorsa settimana in casa del Bayern Monaco. “Non esistono gare facili in Eurolega” è la giusta sintesi di Micov.  
Pianigiani sottolinea sia i difetti (“Potevamo essere più solidi”) che i pregi (“Nel quarto finale abbiamo costruito buoni tiri e li abbiamo realizzati”) della sua Olimpia, ricordando: “Non era facile, è un momento in cui viaggiamo e giochiamo, domenica vivremo la sfida al vertice in campionato a Venezia e poi avremo due gare di fila in Eurolega contro Vitoria e Barcellona”. E per un Nedovic che rientra, c’è un Amedeo Della Valle costretto a fermarsi per un mese per un infortunio al terzo dito della mano sinistra.  
Milano parte forte grazie al clamoroso 9-11 da tre a cui partecipano James e Nedovic, ma il +12 (27-39) non è sufficiente per mandare ko il Darussafaka, che con McCallum (13) e Diebler (11) rientra fino al -3 (47-50) sfruttando una difesa dell’Olimpia poco intensa. L’AX Armani fatica a entrare in area, ma il 30% da due è compensato dal 60% da tre, eppure la difesa non tiene e Demir sorpassa (69-68) in chiusura di terzo quarto. Nel momento più difficile, emerge Jerrells con 7 punti d’oro per guidare il 13-2 che sembra chiuderla sul 71-83 con tripla di Micov. E invece il Darussafaka rientra ancora con l’orgoglio dei turchi come il carneade Baygul e Ozmizrak (87-88 al 38’) ma l’ex Brindisi Michael Eric (16) si mangia da sotto il +1 interno e Bertans punisce l’errore con una tripla dall’angolo scheggiando il tabellone. È il segno che anche questa è la serata di Milano, che consolida il proprio posto tra le grandi d’Europa.