FLASH2

Demolito il simbolo nazionale della laicità. Raso al suolo Il Centro Culturale Ataturk

domenica 3 giugno 2018 Marco Ansaldo/La Repubblica Foto: Alamy

ISTANBUL - Uno sfregio. Non si può definire altrimenti la demolizione definitiva a Istanbul del Centro culturale Ataturk, luogo simbolo della laicità in Turchia, con la scusa che al suo posto verrà costruito un palazzo ancora più bello.
Ma non c’è dubbio che anche la data scelta per la distruzione del colossale palazzo, il 30 maggio, giorno dell’inizio della rivolta per difendere gli alberi del Gezi Park che sorge a fianco, è stata scelta dal governo con scrupolosa precisione.
Nel centro della città ci sono gli schieramenti di poliziotti, imponenti, a impedire qualsiasi protesta in ricordo della rivolta: i mitra ben in vista e il dito sul grilletto. Non scordiamoci che siamo sempre sotto stato di emergenza, e pure sotto elezioni tra poco, il 24 del mese.
Il Centro Ataturk era il luogo davanti al quale sono cominciate le proteste, quello a cui si rivolgeva l’Uomo in piedi, il coreografo che si mise in silenzio per ore a guardare il ritratto di Mustafa Kemal appeso sul palazzo, subito imitato da migliaia di persone in tutta la Turchia, quello davanti al quale gli studenti si sedettero anch’essi in segno di ribellione leggendo ognuno un libro.