Azerbaijan

Prime consegne di gas

lunedì 2 luglio 2018 Agenzia Nova Foto: Remocontro

BAKU - Sono iniziate le prime consegne commerciali di gas azero alla Turchia sulla rotta del Corridoio meridionale del gas. Lo ha annunciato il direttore generale del Corridoio meridionale del gas azero (Cjsc), Afgan Isayev.
"Il progetto Sgc (Corridoio meridionale del gas) è stato sostenuto finanziariamente dalle principali istituzioni finanziarie internazionali e la Fase 0 nell'ambito del progetto Tanap (gasdotto transanatolico), relativa alle prime consegne di gas commerciali in Turchia, è stata già completata e le prime consegne alla Turchia sono iniziate. I lavori pianificati per la fornitura di gas naturale all'Europa attraverso la Turchia verranno eseguiti secondo il programma”, ha affermato Isayev, secondo quanto si legge in un comunicato della compagnia Cjsc. La cerimonia di lancio della Fase 0 del progetto Tanap è avvenuta lo scorso 12 giugno nella città turca di Eskisehir. Il gasdotto Tanap, insieme al gasdotto transadriatico (Tap), fa parte del cosiddetto Corridoio meridionale che prevede il trasporto di gas dal giacimento azero di Shah Deniz verso l’Europa.
La cerimonia di lancio della prima fase del progetto del Corridoio meridionale del gas si è tenuta a Baku il 29 maggio scorso. Dopo il completamento del Tap, previsto per l'inizio del 2020, il gas azero raggiungerà l'Europa. Il Corridoio, il cui costo stimato è di oltre 40 miliardi di dollari, è uno dei progetti prioritari per l'Unione europea e prevede il trasporto di 10 miliardi di metri cubi di gas azero dalla regione del mar Caspio fino ai paesi europei attraverso Georgia e Turchia. Nella fase iniziale il gas proverrà dal giacimento azero di Shah Deniz, ma successivamente potranno essere collegate nuove fonti di approvvigionamento. Il gas arriverà in Europa grazie alle due sezioni del Corridoio che si connetteranno al gasdotto del Caucaso meridionale, ovvero il Tanap e il Tap. Il Tanap invierà le forniture di gas provenienti dal giacimento di Shah Deniz sino al confine occidentale della Turchia. Il Tanap sarà lungo 1.850 chilometri e avrà una capacita di 16 miliardi di metri cubi di gas.
L’azionariato del Tanap è composto da: Cjsc (51 per cento); Socar Turkey Energy (7 per cento); Botas (30 per cento); BP (12 per cento). Il Tap si collegherà al Tanap al confine turco-greco e attraverso Grecia, Albania e il Mare Adriatico arriverà nelle coste pugliesi. Gli azionisti del Tap sono: Bp (20 per cento), Socar (20 per cento), Snam (20 per cento), Fluxys (19 per cento), Enagas (16 per cento) e Axpo (5 per cento). Il Tap sarà lungo 878 chilometri di cui 550 in Grecia; 215 in Albania; 105 nel Mare Adriatico; e 8 in Italia. L’Igb è un gasdotto che consentirà alla Bulgaria di ricevere le forniture di gas dell’Azerbaigian provenienti dal giacimento offshore di Shah Deniz. L’Igb, infatti, sarà collegato al Tap. La capacità iniziale dell’Igb sarà di 3 miliardi di metri cubi di gas l’anno. Il costo stimato dell’interconnettore è di circa 240 milioni di euro. Lo Iap, invece, è un progetto che coinvolge diversi paesi balcanici – Albania, Montenegro, Bosnia-Erzegovina e Croazia – e prevede il collegamento delle rispettive reti di distribuzione del gas. L’infrastruttura energetica sarà collegata al Tap. La capacità del gasdotto si aggirerà intorno ai 5 miliardi di metri cubi di gas all’anno.