Zoom

Un Hammam turco scoperto a Scutari

domenica 17 giugno 2018 Albania News Foto: Martin Lemke/Albania News

SCUTARI - Gli archeologi polacchi hanno scoperto un bagno turco del XIV secolo nell’Albania nordoccidentale. Questo è l’oggetto più antico di questo tipo studiato finora in Albania – ha detto al Pap il professor Piotr Dyczek del Centro di Ricerca sull’Antichità del Sudest dell’Europa dell’Università di Varsavia.
La più grande scoperta quest’anno è stata il bagno turco – Hammam, con sistema di riscaldamento centralizzato. Edifici di questo tipo divennero comuni nell’impero ottomano nel XV secolo.
“I’impianto termale sembra essere l’oggetto più antico di questo genere finora ritrovato nel paese – ritiene il prof. Dyczek. – Conosciamo pochissimi hammam antichi. Ciò rende la nostra scoperta ancor più interessante, perché permette di vedere come l’antica idea romana dell’ipocausto, che è un sistema di riscaldamento dei pavimenti e delle pareti degli edifici con aria calda, sia stata adattata dai turchi “.
A sua volta, tra le rovine di una delle case turche studiate (XVII-XVIII secolo), gli archeologi hanno scoperto una grande collezione di quasi trenta bottiglie di vetro – gli aryballos (ἀρýβαλλος). Alcuni di questi erano fatti di vetro scuro, altri di vetro colorato.
“Era un tentativo di imitare i vasi più costosi intagliati in pietra colorata. Indipendentemente da ciò, i vasi in vetro non erano comunque economici” – ha affermato il prof. Dyczek. I ricercatori ipotizzano che la scoperta sia avvenuta tra le rovine del luogo in cui gli abitanti di Scutari hanno acquistato tutti i tipi di profumi.
Un’altra importante scoperta fatta a Scutari dai polacchi quest’anno, importante per le prime fasi di sviluppo della città, è stata l’individuazione del centro storico ellenistico dal III secolo a.C.
“Ora conosciamo la posizione della parte più alta della fortezza, insieme alle strutture ellenistiche. Abbiamo individuato alcune parti di due pareti costruite con grandi blocchi di pietra squadrata, le cosiddette Mura ciclopiche”– ha spiegato il prof. Dyczek - In questi antichi strati, gli archeologi si sono imbattuti in una scoperta rara: una lastra sacrificale in bronzo completamente conservata usata nel culto. All’interno del vaso, i resti dell’ultimo sacrificio sono stati conservati fino ai nostri tempi: frammenti di ossa e ceneri di animali.
L’antica Scodra (l’attuale Scutari) si trova vicino al Lago di Scutari. È uno dei luoghi più importanti per la storia dell’Illiria e dell’intera area balcanica. Sin dal Neolitico è stato un insediamento importante e ricco al crocevia d’importanti vie terrestri e idriche. L’Illiria raggiunse l’apice del suo potere e del suo splendore tra il  IV – II secolo a.C.
In quel periodo è stata la capitale del regno. Shkodër non è stata ancora oggetto di scavi globali. Ecco perché oggi non conosciamo praticamente nulla della storia illirica e romana della città, sebbene sia menzionata in numerose fonti antiche scritte. Gli scavi di quest’anno si sono svolti a maggio e giugno.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato su PAP – Polish Press Agency Foundation, Scienza e cultura in Polonia dal titolo “Polish archaeologists discovered medieval bath in Albania“. Traduzione dall’inglese: G. LUKA