Zoom

La prima nave turca per le trivellazioni

19 dicembre 2017 Agenzia Nova Foto: Offshore Energy Today

ANKARA - La prima nave di perforazione turca, la Deepsea Metro 2, dovrebbe arrivare in Turchia entro la fine di dicembre in vista delle trivellazioni esplorative offshore nel Mediterraneo previste all'inizio del prossimo anno.
Lo rivelano hanno rivelato ieri i dati sul transito marittimo, secondo quanto riporta l’agenzia di stampa “Anadolu”. I dati mostrano che la nave, che sarà utilizzata dalla Turkish Petroleum Corporation (Tpao), ha lasciato il porto Hoylandsbygda, in Norvegia, e arriverà in Turchia il 31 dicembre prossimo. La Turchia ha già iniziato a fare esplorazioni in mare alla ricerca di risorse di idrocarburi con due navi sismiche, ma la Deepsea Metro 2 sarà la prima nave di perforazione attiva nel paese. La nave mercantile sudcoreana è stata prodotta nel 2011, ha una lunghezza di 229 metri ed è in grado di perforare fino a una profondità massima di 40 mila piedi.
La prima nave sismica turca Barbaros Hayrettin Pasa ha condotto operazioni nel Mediterraneo dall'aprile scorso, mentre una seconda nave, l'Mta Oruc Reis, è pronta per le esplorazioni. Il ministro dell'Energia e delle risorse naturali di Ankara, Berat Albayrak, ha annunciato lo scorso ottobre che la Turchia effettuerà le prime perforazioni in profondità nel 2018. Ankara condurrà attività di perforazione con una nuova nave sismica nel quadro dell'esplorazione per la ricerca di gas naturale e petrolio nel Mediterraneo e nel Mar Nero, ha aggiunto il ministro.