Blob

Conbipel: proposta di salvataggio

domenica 23 agosto 2020 Servizio ripreso da Carlo Festa/Il Sole 24 Ore Foto: Il Sole 24 Ore

MILANO - Ipotesi di salvataggio turco per il gruppo Conbipel. Secondo indiscrezioni per lo storico brand di abbigliamento Conbipel di Cocconato d’Asti, attualmente in concordato, sarebbe arrivata un’offerta da un gruppo di Instanbul: Çaðla Tekstil.
In settembre sarà presa probabilmente una decisione per l’azienda: per metterla al riparo da eventuali istanze dei creditori, dovrà essere presentato un piano industriale con l’avvallo del tribunale di Asti.
Il processo per l’individuazione di un soggetto che inietti nuove risorse è in corso da diversi mesi: al lavoro sono gli advisor Vitale e lo studio Dla Piper, ma anche il professore esperto di diritto fallimentare Alberto Jorio. La Conpibel è un marchio storico del retail: è stata fondata nel 1958: nata grazie all’intuizione della famiglia Massa su una fascia di mercato definita, è stata venduta circa dieci fa ad un fondo statunitense, il gruppo californiano Oaktree. L’azienda, che aveva già in programma di seguire la strada del concordato prima dell’emergenza Covid-19, secondo gli gli ultimi bilanci ha un giro d’affari attorno ai 180 milioni e debiti per circa 30 milioni di euro