Blob

Transazioni in valute nazionali

8 ottobre 2019 Servizio ripreso da Sputnik Foto: Sputnik.Iliya Pitolov

ISTANBUL - Il ministero delle Finanze russo e il suo omologo turco hanno firmato un accordo per l’effettuazione di pagamenti in valute nazionali. Come indicato nel messaggio, il documento mira a "espandere e rafforzare la cooperazione interbancaria, nonché a garantire pagamenti ininterrotti tra le entità commerciali dei due Paesi".
Da parte russa, l'accordo è stato firmato dal Primo Vice Primo Ministro e ministro delle finanze Anton Siluanov, e dalla parte turca dal Ministro del tesoro e delle finanze Berat Albayrak.
L'obiettivo principale, secondo quanto affermato dal ministero delle Finanze è quello di una graduale transizione verso l'uso del rublo e della lira nelle transazioni tra Russia e Turchia, la creazione di un'adeguata infrastruttura del mercato finanziario e d'incrementare l'attrattiva della valuta nazionale per le società. Per aumentare il livello di liquidità gli emittenti russi e turchi svilupperanno strumenti per l'emissione di titoli di debito nei mercati dei due paesi.
"La firma dell'accordo è un passo importante per l'ulteriore espansione e sviluppo di una cooperazione economica e commerciale reciprocamente vantaggiosa ed equa tra Russia e Turchia", afferma la nota.
Alla fine del 2018, il commercio tra Russia e Turchia è cresciuto del 16% e ha raggiunto $ 25.5 miliardi.
L’accordo per passare a transazioni in valuta nazionale con la Cina.
La Russia in precedenza, il 5 giugno 2019, ha firmato un accordo simile con la Cina che prevede di gettare le basi per un nuovo meccanismo che sostituisca i sistemi interbancari SWIFT e CHIPS.
Secondo i firmatari nei prossimi anni la percentuale delle transazioni commerciali con la Cina in rubli può raggiungere il 50%, mentre ora è ferma al 10%.
I media russi sottolineano che l’accordo sarà esteso anche ai contratti stipulati in precedenza in dollari.

...