Blob

Un auto sovranista

6 giugno 2019 Servizio ripreso da Marco Galigari/FormulaPassion. Foto: FormulaPassion.it

ISTANBUL - Nel novembre 2017, la Turchia si è impegnata per progettare e produrre la sua prima automobile in una joint venture formata da cinque dei più grandi industriali turchi, tutti esperti nelle loro aree operative.
Mentre il progetto continua a pieno ritmo con intensi sforzi pubblici e privati, si prevede che la prima auto domestica arriverà sulle strade turche entro il 2022, il ministro dell’Industria e della Tecnologia Mustafa Varank ha detto al Daily Sabah in un’intervista.
Anadolu Group, BMC, Kök Group, Türkcell e Zorlu Holding, con il 19 percento delle azioni ciascuna e l’Unione delle Camere e Commodity Exchanges of Turkey (TOBB) con il 5 percento delle azioni, guideranno congiuntamente la joint venture Turkey’s Automobile Joint Venture Group (TOGG).
Sottolineando che l’esportazione sarà possibile anche perché l’automobile corrisponderà alle esigenze e alle tendenze contemporanee, Varank ha affermato di aver ricevuto risposte positive da parte di cittadini, istituzioni pubbliche e organizzazioni non governative a questo riguardo: “Con l’introduzione delle auto elettriche, la tecnologia si sta evolvendo rapidamente in settori quali le tecniche di guida, la pianificazione intelligente delle città e il software automobilistico. Con il passaggio all’auto elettrica, l’intero settore ha iniziato a cambiare, quindi vediamo nel progetto automobilistico della Turchia non solo un progetto automobilistico ma anche un progetto che trasformerà l’intera industria automobilistica in Turchia”.
Suggerendo che l’ecosistema della mobilità che si svilupperà nella trasformazione del settore automobilistico creerà anche un’importante opportunità per la Turchia nello sviluppo di nuove tecnologie, Varank ha osservato che questo non è solo un progetto di R & S, ma anche un progetto per creare un marchio, per così dire.