Flash

Arrestati presunti agenti del Mossad

26 ottobre 2021 Servizio ripreso da Giuseppe Gagliano/SMART MAGAZINE

ISTANBUL - Quindici persone sospettate di lavorare con il Mossad sono state arrestate in quattro province della Turchia il 7 ottobre, secondo quanto riportato ieri dal quotidiano turco filogovernativo Daily Sabah.
Secondo il quotidiano, gli arresti fanno parte di una vasta operazione di sorveglianza condotta nell’arco di un anno da 200 membri dei servizi segreti turchi. La rete, composta da cinque cellule composte ciascuna da tre membri e tutte di origine araba, avrebbe raccolto segretamente informazioni private sugli studenti palestinesi e sulle loro condizioni di vita in Turchia, nonché sugli studenti stranieri, “soprattutto quelli che potevano lavorare nell’industria della difesa in futuro”, afferma l’articolo.
I presunti agenti avrebbero quindi inviato i file ai funzionari del Mossad tramite piattaforme online crittografate, come Protonmail e SafeUM, che generano numeri di telefono falsi. Pubblicate per la prima volta sul sito web del Daily Sabah, le foto sfocate di tre membri – inclusi palestinesi – di questa rete sono state cancellate durante il giorno per rivelare solo le loro iniziali. Secondo quanto riferito, il membro principale del gruppo, indicato con le sue iniziali A.B., è entrato in Turchia nel 2015 e quest’anno ha ricevuto 10.000 dollari per le sue attività con l’intelligence israeliana. Si dice che gli altri due membri le cui foto erano state rivelate, indicati come R.A.A e M.A.S nell’articolo, si fossero recati rispettivamente a Zagabria e Zurigo per incontrare gli agenti del Mossad. I tre individui erano stati segnalati alle autorità turche come dispersi negli ultimi mesi “nel tentativo di fuorviare le forze di sicurezza”, ha affermato il quotidiano. Si dice che alcuni pagamenti del Mossad alle quindici persone siano stati effettuati tramite Western Union o Moneygram, mentre altri sono stati effettuati in Bitcoin o tramite broker come gioiellerie o mercati, afferma il Daily Sabah. I sospetti sono stati interrogati il 19 ottobre e accusati di “spionaggio internazionale”. Sono stati portati davanti alla Corte dei Magistrati di Istanbul, che ha ordinato la loro detenzione in attesa di indagine.
Le rivelazioni arrivano in un momento in cui la Turchia, isolata diplomaticamente negli ultimi anni a causa del suo avventurismo nella regione, sta cercando di placare i suoi rapporti con lo stato ebraico, incoraggiata dall’amministrazione statunitense di Joe Biden e la normalizzazione tra alcuni paesi arabi e Israele in 2020. Lo scorso maggio, Ankara ha comunque condannato con forza gli attacchi israeliani ai palestinesi.
Due mesi dopo, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, si è congratulato con il suo omologo israeliano, Yitzhak Herzog, per il suo insediamento in una rara telefonata. Secondo un comunicato stampa della presidenza turca, Recep Tayyip Erdogan ha poi sottolineato l'”importanza” del rapporto tra i due Paesi per la sicurezza in Medio Oriente e ha sottolineato il loro “forte potenziale di cooperazione in vari campi, in particolare energia, turismo e tecnologia”. Tuttavia i legami della Turchia con Hamas, considerata un’organizzazione terroristica da Washington e dallo Stato ebraico e che controlla la Striscia di Gaza, sono visti con una luce negativa anche da Israele. Secondo funzionari israeliani, Hamas avrebbe un ufficio di rappresentanza in Turchia, e sarebbe autorizzato a pianificare attacchi contro lo stato ebraico dal territorio turco.