Flash

Riconoscimenti e menzioni a 3 musei

martedì 12 maggio 2021 Servizio ripreso da ADVtraining.it

ISTANBUL - Tre musei turchi hanno ricevuto un riconoscimento agli EMYA per il 2020 e il 202: due menzioni speciali e il "Premio Silletto 2021" vinto dal Museo Etnografico Kenan Yavuz di Beþpýnar.Inizialmente nato nel 2019 come museo privato questo poi ha assunto una missione sociale e culturale più ampia per la sua comunità e regione.
 Situato in un remoto villaggio di Beþpýnar nella regione di Bayburt, nel nord - est della Turchia, il museo è diventato un sostenitore del ritorno consapevole alle radici e al patrimonio locali, la rivitalizzazione del villaggio di Beþpýnar e degli insediamenti vicini e una più ampia consapevolezza dei benefici del villaggio e la vita comunitaria più in generale. Il museo affronta la drammatica trasformazione della Turchia durante il secolo scorso a seguito della migrazione dai villaggi alle città e dell'abbandono di molti villaggi. Il Museo Etnografico Kenan Yavuz mira a invertire questa tendenza dimostrando come i progetti culturali e una maggiore consapevolezza della ricchezza del patrimonio del villaggio possono rivitalizzare i villaggi e le vite dei loro residenti, giovani e meno giovani.
I visitatori possono sperimentare come vivevano gli abitanti dei villaggi di Bayburt in passato. Inizialmente incentrata sulla famiglia Yavuz, la collezione si è ampliata con l'aggiunta di oggetti recuperati da case danneggiate e distrutte, vecchi negozi, fattorie e siti abbandonati nell'area limitrofa. Questi oggetti documentano la vita rurale in questa regione durante la prima metà del XX secolo. La “Village House” ospita il vero e proprio spazio espositivo ma poi i visitatori possono anche assaporare tutta la vita di un tempo, come degustare un caffè o un te, scoprire come funzionava un vecchio mulino, sfogliare libri custoditi nella biblioteca e molto altro ancora.
Il museo ospita regolarmente festival con canzoni, racconti popolari, giochi per bambini, lezioni di cucina nonché rievocazioni di tradizioni legate al ciclo di vita. Particolarmente apprezzati sono i matrimoni e i fidanzamenti. Organizzano anche conferenze sull'artigianato, l'agricoltura e le piante endemiche. L'obiettivo del museo è quello di preservare e far rivivere il patrimonio tangibile e immateriale dei villaggi locali nella regione di Bayburt. Consapevole che lo sviluppo economico è essenziale per la realizzazione di questo obiettivo, il museo sta dimostrando il potenziale del turismo culturale e dell'industria dell'ospitalità per creare nuovi posti di lavoro e migliorare la qualità della vita per gli abitanti dei villaggi e gli abitanti della più ampia regione di Bayburt.
Ma questo non è l’unico museo turco a essere stato premiato all’EMYA, due infatti sono state le menzioni speciali. Per il 2020 a riceverla è stato il Museo di Troia a Canakkale che si caratterizza per un’architettura che gioca con luci e ombre, dando un senso al tempo che passa, mentre la mostra innovativa affronta questioni contemporanee, collega passato e presente e pone domande universali sul significato della guerra. Mentre per il 2021 a essere nominato è stato il Odunpazarý Modern Museum a Eskiþehir: una piattaforma interculturale di livello mondiale per artisti contemporanei del paese in cui opera e oltre. È ospitato in un notevole esempio di architettura moderna ispirata alle forme tradizionali locali. È un museo che riesce a creare un ambiente democratico e inclusivo, aperto a tutti.