Flash

Nove anni a leader anti-Erdogan

mercoledì 26 giugno 2020 Notizia ripresa da la Repubblica.it

ISTANBUL -"Propaganda terroristica, offese al presidente e alla Repubblica turca". Con queste accuse è stata confermata in appello la sentenza che condanna Canan Kaftancioglu a 9 anni, 8 mesi e 20 giorni di carcere.
Braccio destro del nuovo sindaco di Istanbul Ekrem Imamoglu, Kaftancioglu, tra i leader dei socialdemocratici del Chp, principale partito che si oppone all'Akp del presidente Recep Tayyip Erdogan, era stata proprio la stratega della vittoria nella metropoli sul Bosforo lo scorso anno. I suoi presunti reati sono legati al contenuto di 35 post su Twitter, pubblicati tra il 2012 e il 2017.
Per il suo partito è una nuova vendetta politica contro la donna che è stata capace di infliggere un "devastante danno di immagine al potere" di Erdogan e del suo Akp, che nella città più grande e più ricca della Turchia l'avevano fatta da padrone per 25 anni. 
Per il momento, per la leader del Chp a Istanbul non è previsto l'arresto, in attesa del ricorso in Cassazione, che secondo i suoi legali hanno sarà presentato entro due settimane. La decisione definitiva sul caso è attesa non prima di sei mesi. Nel frattempo, lei assicura che non intende fare passi indietro e continuerà a lavorare come sempre. Nel giorno della condanna, ha pubblicato immagini delle sue riunioni che proseguivano "senza rallentare", mentre sui social network - strumento chiave della sua strategia per contrastare i media filo-governativi - i suoi sostenitori ripetevano lo slogan più usato durante il processo: "Lei ha salvato Istanbul, ora Istanbul salverà lei".