Flash

Scarcerati due giornalisti del Cumhuriyet

10 marzo 2018 Andrea Cortellari/ilGiornale.it

ISTANBUL - È arrivata la scarcerazione su cauzione per due giornalisti turchi, Ahmet Sik e Murat Sabuncu, che da più di 400 giorni erano dietro le sbarre, per capi d’imputazione che riguardano loro e altri membri dello staff del quotidiano d’opposizione Cumhuriyet.
Ancora una volta ieri i membri della stampa si sono ritrovati all’uscita dal carcere di Silivri, a Istanbul, per accogliere il rilascio dei due giornalisti e registrarne le prime impressioni. Ma se la loro liberazione, con un processo che comunque andrà avanti, poteva sembrare un momento da festeggiare, sono state le parole di Sik a dare il senso di quanto stava accadendo.
“Non sono felice per niente. E non voglio che voi siate felici quando Akin Atalay è ancora dentro. Preferirei che foste arrabbiati, perché è la rabbia che ci terrà in piedi”, ha detto il giornalista investigativo alle telecamere, ricordando che se lui e il direttore Sabuncu hanno potuto lasciare il carcere, l'editore non è ancora stato rilasciato.
Il processo a Cumhuriyet è una storia che arriva da lontano e che rappresenta soltanto uno dei molti casi in cui a finire sul banco degli imputati è stata la libertà di stampa. Era a fine ottobre del 2016 che un'ondata di arresti si abbatteva su quello che tradizionalmente è il giornale della Turchia laica, dopo che uno scoop pubblicato sulle sue colonne raccontava di come camion carichi di armi transitassero dalla frontiera con la Turchia, per finire a fazioni impegnate nella guerra in Siria.
Per quella storia il capo-redattore Erdem Gul e il direttore Can Dundar, che da tempo ha lasciato il Paese per l'Europa, trascorsero diversi mesi in carcere. E ieri un tribunale ha portato a venti, da cinque, la pena che l'ex direttore dovrà scontare per spionaggio. I giornalisti di Cumhuriyet sono ora accusati di essere diventati una macchina della propaganda per il predicatore Fethullah Gulen, ritenuto in Turchia la mente dietro il fallito tentativo di golpe del luglio 2016. Ma anche per il Pkk curdo e per il THKP-C, tutti classificati come gruppi terroristici, ma con idee e obiettivi differenti.
Sono in tutto 17 le persone legate al giornale finite a processo da luglio, dal vignettista Musa Kart all'editorialista Kadri Gursel, la maggior parte delle quali sono state gradualmente liberate in attesa di un verdetto definitivo. Una sorte che non è toccata a molti. Secondo l'elenco della Piattaforma per il giornalismo indipendente P24 sono a oggi 155 i giornalisti ancora in carcere e decine le testate chiuse negli ultimi anni, in una repressione che non ha colpito soltanto quei media direttamente legati a Fethullah Gulen, ma più in generale le voci del dissenso in Turchia.
Per Ahmet Sik i problemi con la giustizia turca sono tutto tranne che una novità. Il giornalista era già finito in carcere nel 2011, dopo avere scritto un libro intitolato L'esercito dell'imam in cui denunciava proprio le infiltrazioni dei gulenisti nell'apparato statale, in un periodo in cui la "Cemaat" di Gulen andava a braccetto con l'Akp di Erdogan. "Ho lasciato questo posto sei anni fa, ancora a marzo - ha detto alla stampa dopo essere stato rilasciato - Ciò che è cambiato da quel giorno è che uno dei complici del fascismo è caduto. Vi assicuro che verrà il giorno in cui questo sultanato mafioso avrà fine”.