Attualità

No alla conferenza di Parigi...

2 novembre 2021 Servizio ripreso da Agenzia Nova Foto: Internazionale

ROMA - Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha dichiarato di aver detto all’omologo francese Emmanuel Macron che il suo Paese non parteciperà alla Conferenza internazionale di Parigi sulla Libia prevista il 12 novembre.
o ha riferito il sito web d’informazione libico “Al Saa 24”, precisando che Erdogan ha motivato la scelta con la presenza della Grecia, di Israele edell’amministrazione greco-cipriota, aggiungendo: “Se questi Paesi parteciperanno alla conferenza, non è necessario inviare rappresentanti speciali di Turchia”. Il capo dello Stato tureco ha parlato a una conferenza stampa tenuta ieri sul contenuto del suo incontro con Macron a margine del vertice del G20 che si è tenuto domenica a Roma. “(Macron) vorrebbe tenere una conferenza a Parigi simile a quella che ha avuto luogo a Berlino riguardo la Libia e che noi vi partecipassimo come parte principale”, ha detto ancora il presidente turco.

 

 

 


 

Parte dei politici libici ha già respinto la conferenza internazionale sulla crisi nel Paese che la Francia intende ospitare a Parigi il prossimo 12 novembre. L’iniziativa era stata annunciata dal ministro degli Esteri francese, Jean-Yves Le Drian, in occasione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite lo scorso settembre.

“Agenzia Nova” ha appreso da fonti diplomatiche europee che la Francia avrebbe offerto la co-presidenza dell’evento di Parigi anche a Italia e Germania. La proposta dell’Eliseo, tuttavia, presenta almeno due elementi di criticità: primo, si tiene a poco più di un mese dalla data delle elezioni parlamentari e presidenziali del 24 dicembre che, allo stato attuale, non è affatto scontato che si tengano in simultanea ed entro la scadenza prefissata; secondo, la conferenza è percepita come un “doppione” di un analogo incontro internazionale organizzato a Tripoli dal Governo di unità nazionale lo scorso 21 ottobre.