Attualità

La Mezzaluna sempre più presente in Africa

7 ottobre 2021 Servizio ripreso da Rivista Africa Foto: Rivista africa

ROMA - Mevlut Cavusoglu, ministro degli Esteri turco, ha discusso le relazioni strategiche con i vertici della Commissione dell’Unione africana (Ua).
Nel corso della prima visita ufficiale di Moussa Faki in Turchia, avvenuta nei giorni scorsi, Cavusoglu ha affermato di aver discusso dei preparativi per il terzo vertice di partenariato Turchia-Africa, previsto per il 17-18 dicembre a Istanbul.
Il ministro, secondo quanto riporta l’agenzia stampa Anadolu, ha sottolineato che Ankara si aspetta un vertice di successo e fruttuoso, rilevando che la Turchia è un partner strategico dell’Africa dal 2008. “Miriamo a sostenere gli sforzi di sviluppo dell’Africa e ad aumentare le relazioni commerciali, culturali e umane tra di noi – ha aggiunto -. L’Unione africana è l’organizzazione più inclusiva del continente. La voce dell’Africa e il respiro dell’Africa”.
Ha proseguito dicendo che il numero delle ambasciate turche nel continente, che erano solo 12 nel 2002, è salito 43, aggiungendo che questo numero arriverà presto a 44 con l’apertura di una missione in Guinea Bissau.
Sottolineando che le attività della Turchia in Africa sono diventate più ricche grazie all’Agenzia turca di cooperazione e coordinamento, Yunus Emre Institute, Turkish Diyanet Foundation, Anadolu Agency e Turkish Airlines, ha affermato che il valore totale dei progetti condotti dalle società turche nel continente supera i 70 miliardi di dollari. Il volume del commercio bilaterale ha raggiunto oltre 25 miliardi di dollari nel 2020, ha aggiunto, osservando che Ankara è determinata raggiungere un interscambio di 50 miliardi.
Sui recenti colpi di Stato nell’Africa occidentale (Guinea e Mali), il ministro turco ha ribadito l’opposizione della Turchia a qualsiasi tipo di golpe. “Vogliamo che entrambi i Paesi tornino alla democrazia il prima possibile. Come Turchia, daremo il sostegno necessario affinché i Paesi prendano questa direzione”.
Richiamando l’attenzione sui problemi esistenti tra Etiopia e Sudan, sugli sviluppi in Somalia e sulla minaccia terroristica nella regione del Sahel, ha affermato che la Turchia sta assistendo i Paesi africani nella loro lotta al terrorismo. Cavusoglu ha anche toccato gli sforzi di vaccinazione contro il covid-19, affermando che il Consiglio turco ha deciso di sostenere l’Unione africana con spedizioni di vaccini. Ha detto che la Turchia condividerà il vaccino che sta studiando contro il coronavirus (Turkovac),una volta che il vaccino sarà pronto.
Da parte sua, Faki, il presidente della Commissione dell’Unione africana, ha salutato positivamente le profonde relazioni tra i Paesi africani e la Turchia. L’Africa, ha detto, ha nella Turchia un partner strategico ed è quindi interesse di tutti “rafforzare il partenariato in molti campi, tra cui pace, sicurezza, sviluppo e commercio”. Ha elogiato il solido sostegno della Turchia alla regione e ha esortato la comunità internazionale ad agire contro le minacce del terrorismo.