Attualità

Decisione dei tre: la Siria del futuro sarà una sola

5 aprile 2018 Gianpaolo Cadalanu/R.it Foto: Pars Today

ISTANBUL - La Siria del futuro sarà comunque una sola: Vladimir Putin, Hassan Rohani e Recep Tayyip Erdogan hanno concluso l'incontro di Ankara sancendo che il ruolo di Russia, Iran e Turchia è fondamentale per delineare le prospettive del Paese, ma anche a tracciare uno scenario del Medio oriente nel suo complesso. Se l'obiettivo dei maggiori protagonisti sul terreno resta dunque "l'integrità territoriale" della Siria, nel documento finale c'è il rifiuto "di tutti i tentativi di creare nuove realtà sul terreno con il pretesto della lotta al terrorismo".
E' un nuovo formidabile colpo ai sogni del Rojava, la zona curda che aveva conquistato un'autonomia de facto tollerata da Damasco ma mai accettata dai vicini turchi. Le ultime speranze sono aggrappate alla presenza americana: nelle tre regioni della Siria del nord amministrate dalle Forze democratiche siriane (Sdf) sono presenti almeno 20 basi americane, di cui Ankara da tempo chiede lo sgombero, per avere mano libera con i curdi. Ma proprio nelle stesse ore del vertice dalla Casa Bianca è arrivata una doccia gelata per le speranze delle Sdf: il presidente Trump ha già dato al Pentagono indicazioni per preparare il ritiro. Non c'è una data, per il momento, e i funzionari Usa si affannano a dire che i soldati resteranno "fin che sarà necessario". Ma è bene che nel Rojava non ci sia spazio per illusioni.
Al vertice di Ankara, Erdogan ha dovuto accettare l'ipotesi di una Siria ancora guidata da Bashar Assad, e in cambio ha strappato a Russia e Iran un via libera di fatto contro i curdi. Per il presidente turco, le Forze democratiche siriane Sdf, guidate dalle Unità di mobilitazione popolare Ypg, sono solo un'etichetta che copre i miliziani del Pkk. E quindi sono terroristi, sullo stesso piano dello Stato Islamico: "Chi non lo capisce non può contribuire alla pace". Insomma, "l'integrità territoriale deve essere legata all'equidistanza verso i diversi gruppi terroristici".
In parole più chiare: via libera a una Siria governata da Assad, purché nessuno immagini nemmeno una qualche forma statuale curda. A poco è servita l'invito, apparentemente solo formale, dell'iraniano Rohani, che vorrebbe riconsegnare alle truppe governative di Damasco la zona di Afrin, conquistata dai turchi alle Sdf. I tre leader hanno ribadito il sostegno ai colloqui di Astana, fra delegati di Damasco e gruppi di opposizione: nella loro visione, questi negoziati sono un binario parallelo a quelli di Ginevra, sotto l'egida dell'Onu. Di fatto, anche l'accenno al processo di Astana è da considerare un sostegno a Bashar Assad.
Oltre a sottolineare l'impegno a "creare le condizioni per il ritorno dei profughi" e ad "accelerare gli sforzi verso un cessate-il-fuoco e la protezione dei civili nelle aree di de-escalation", dal vertice di Ankara è venuto un appello all'Occidente, grande assente dall'incontro. Serve che contribuisca alla ricostruzione, oltre che ai necessari interventi umanitari e di bonifica dalle mine. A far capire i toni dell'appello, ci ha pensato sempre Erdogan, ricordando che l'Europa non ha ancora versato quelli che il presidente turco definisce contributi ai profughi. Tradotto in linguaggio più semplice: l'Occidente paghi, o rischia di essere sommerso di migranti.