DIRITTO & ROVESCIO

Energia solare: la 1° fabbrica integrata

lunedì 24 agosto 2020 Servizio ripreso da Trasporti-Italia.com Foto: Balkan Green Energy News

ISTANBUL - Kalyon Solar Technologies ha inaugurato ad Ankara, Turchia, la prima fabbrica al mondo integrata per la produzione di pannelli solari.
Presenti alla cerimonia di inaugurazione il presidente Recep Tayyip Erdogan e il vicepresidente Fuat Oktay, il ministro del Tesoro e delle finanze Berat Albayrak, il ministro dell'Energia e delle risorse naturali Fatih Dönmez, il ministro dell'interno Süleyman Soylu, il ministro degli Affari Esteri Mevlüt Çavuþoðlu, il ministro della Difesa Nazionale Hulusi Akar, il ministro dell'Ambiente e dell'Urbanistica Murat Kurum, il ministro del Trasporti e delle infrastrutture Adil Karaismailoðlu, il ministro dell'Industria e Tecnologia Mustafa Varank, Famiglia, lavoro e servizi sociali Zehra Zümrüt Selçuk, il ministro della Cultura e del Turismo Mehmet Nuri Ersoy, il ministro dell'Agricoltura e delle Foreste Bekir Pakdemirli oltre ad altre personalità del mondo della politica e dell'impresa.
La Kalyon Solar Technologies Factory è uno dei maggiori investimenti della Turchia per la produzione di energia domestica pulita. Durante la cerimonia ospitata dal presidente della Kalyon Holding, Cemal Kalyoncu, è stato installato il primo dei 3.5 milioni di pannelli previsti nel sito.
“I combustibili fossili stanno inquinando il nostro pianeta. La via d'uscita è l'energia pulita! Tutti noi dobbiamo fare del cambiamento climatico il punto principale della nostra agenda. Per questo motivo dobbiamo puntare verso risorse energetiche pulite – commenta il presidente della Kalyon Holding, Cemal Kalyoncu -.  In linea con questo obiettivo, abbiamo dato vita alla nostra fabbrica di Kalyon Solar Technologies come investimento per rafforzare e accelerare la presenza della Turchia nel campo dell'energia pulita”.
Fondata con un investimento di $ 400 milioni, la fabbrica si estende su una superficie di 100mila metri quadrati e impiega 1400 persone nella produzione completa dei pannelli solari, riunendo l’intero processo produttivo dalla A alla Z. Ha una capacità di produzione annuale di 500 MW che salirà poi in futuro a 1 GW.  La fabbrica fungerà anche da centro per lo sviluppo di nuove tecnologie per l'energia solare grazie alla presenza di 100 scienziati che collaboreranno con varie università e centri di ricerca internazionali.
Durante la produzione dei pannelli solari, la Kalyon Solar Technologies Factory effettuerà anche la produzione di lingotti diventando la prima e unica fabbrica a farlo in tutta Europa e Medio Oriente.
La produzione di lingotti, una delle quattro fasi della produzione di pannelli solari, richiede tecnologie e know-how specialistici. Il polisilicio sotto forma di materia prima viene fuso a circa 1450 ° C, assumendo la forma di un lingotto di silicio monocristallino. I lingotti prodotti vengono affettati allo spessore di 180 micrometri con l'ausilio di seghe a filo ricoperte di diamante che lavorano alla velocità di 15 metri al secondo. Dopo essere stato sottoposto a più di 30 semiconduttori chimici e fisici processi produttivi, le fette diventano celle solari fotovoltaiche.
I pannelli prodotti saranno destinati alla centrale solare di Karapýnar, Konya, che con una capacità di 1000 megawatt è una delle più grandi al mondo. La centrale si estende su un’area pari a 2.600 campi da calcio in cui verranno installati 3.5 milioni di pannelli solari, per un investimento complessivo di 1 miliardo di dollari.
Questa centrale elettrica soddisferà singolarmente il fabbisogno energetico annuale di 2 milioni di persone. Produrrà energia pulita, senza emissioni e aumenterà del 20 per cento la quota di energia solare prodotta dalla Turchia. Inoltre permetterà un risparmio annuo di 1.5 milioni di tonnellate di combustibili fossili e di emissioni di anidride carbonica, oltre al risparmio di $ 400 milioni di importazioni.