Curiosità

Ogni giorno da 15 anni nutre cani e gatti randagi

domenica 31 gennaio 2021 Serizio ripreso da Cristina Insalaco/Il Secolo XIX Goto: Il Secolo XIX

IZMIR In Turchia, nella provincia di Izmir, un corriere da 15 anni ogni giorno sale sul suo motorino e nutre gli animali randagi della zona. Ne ha aiutati moltissimi in questi anni, tra cani e gatti. Murat Mogol è un amante degli animali e investe gran parte del suo tempo libero per questo progetto.
Tutto è cominciato con l'incontro di un gatto malato per strada: da quel giorno Murat ha iniziato ad aiutare altri randagi che incontrava nella sua zona. Lui è anche volontario in un centro per la protezione degli animali e la sua priorità è quella di aiutare tutti quelli che hanno bisogno di acqua o di cibo, ancora di più in questo periodo difficile di pandemia. Mogol solitamente chiede ai ristoranti gli avanzi del giorno, e li distribuisce ai randagi. In questo modo ha aiutato oltre 500 animali.
Ogni giorno dà da mangiare a 450 gatti e 70 cani. In questo periodo però è molto difficile trovare il cibo avanzato dai ristoranti, siccome la maggior parte sono chiusi, ma nonostante questo lui non ha mai smesso di aiutarli. «Questi animali possono sopravvivere anche con poco cibo e in condizioni climatiche avverse», ha detto Mogol.
E nel caso in cui venisse fermato dalla polizia per avere infranto le regole del coprifuoco, lui può mostrare la certificazione di volontario per il centro in cui lavora. «I cani e gatti di cui mi prendo cura hanno bisogno di essere nutriti tutti i giorni e io farò del mio meglio per fare in modo che abbiamo sempre del cibo». E ancora: «in questo periodo a causa del Covid molte persone hanno smesso di nutrire i randagi». 
Lui spera che altre persone possano supportarlo in questo progetto. E anche le autorità turche stanno facendo il possibile per aiutare i randagi durante la pandemia. Alla fine dell'emergenza sanitaria il Ministro dell’Interno vuole infatti fare in modo che le amministrazioni locali lascino del cibo agli animali randagi per farli sopravvivere, in parchi, giardini o rifugi per animali.