Economia/agricoltura

Accordo siglato

27 maggio 2017 Agenzia Nova Foto: Getty Images

ISTANBUL - Turchia e Russia hanno firmato una dichiarazione congiunta per rimuovere le restrizioni al commercio bilaterale in occasione della visita a Istanbul del premier russo, Dmitrij Medvedev.
La dichiarazione è stata siglata dal vicepremier turco, Mehmet Simsek, e da quello russo, Arkdaij Dvorkovich, a margine del 25mo vertice dei capi di Stato e di governo dell'Organizzazione per la cooperazione economica del Mar Nero, in corso a Istanbul. La rimozione delle restrizioni alla fornitura di prodotti alimentari russi in Turchia e viceversa era stato uno dei temi dei colloqui di inizio maggio tra i presidenti dei due Paesi, Vladimir Putin e Recep Tayyip Erdogan, a Sochi.
"Abbiamo concordato su una decisione, che tutti i singoli vincoli vengano rimossi da entrambe le parti", aveva detto in quell'occasione Dvorkovich, aggiungendo che la rimozione delle restrizioni riguarda tutti i settori, "eccetto i pomodori". Dalla parte turca, invece, tutte le restrizioni sono state rimosse comprese quelle su grano e olio di girasole. Il vicepremier russo aveva spiegato che i pomodori turchi, la cui importazione è stata sospesa per ragioni politiche, attualmente hanno trovato fornitori sostitutivi nel mercato russo.
"In questo periodo vi sono i produttori russi ed è importante garantire che i prezzi non scendano troppo. Che la loro redditività sia ancora mantenuta a un livello sufficiente", aveva spiegato Dvorkovich.