In Evidenza

Bond in Lire turche: Bei 2022 rende l'11% per 5 anni

11 marzo 2017 Investireoggi Foto: Investireoggi

ROMA - Torna la fiducia degli investitori verso la Turchia. L’indice di fiducia nell’economia in Turchia è aumentato nel mese di febbraio del 6.8 per cento rispetto a gennaio.
E’ quanto riferisce l’Istituto nazionale di statistica, secondo il quale la rinnovata fiducia nell’economia segue la ripresa registrata nel settore dei servizi, in quello dell’industria, delle costruzioni e del commercio al dettaglio.
Così, per chi è a caccia di obbligazioni ad alto rendimento in Lire turche (TRY), da oggi c’è un nuovo bond emesso dalla Banca Europea degli Investimenti (BEI) negoziabile presso Borsa Italiana e che gode della massima affidabilità sui mercati internazionali (rating AAA).
La BEI ha emesso obbligazioni in lire turche per 150 milioni il 28 febbraio 2017 collocandole al prezzo di 97,95. I BEI 10% 2022 (Isin XS1574041999), sono negoziabili per importi minimi di 1.000 lire turche, circa 250 euro, presso Borsa Italiana, segmento Mot, e sul mercato grigio OTC (over the counter) al prezzo di 98% per un rendimento a scadenza del 10.97%. Il bond paga una cedola a tasso fisso pari al 10% il 7 marzo di ogni anno e va a rimborso in unica soluzione il 7 marzo 2022. Benchè l’emittente sia pienamente affidabile in quanto a regolare pagamento di interessi e rimborso capitale, il rischio cambio non è da sottovalutare. Imposta sostitutiva agevolata al 12.50%, al pari dei titoli di Stato.
La moneta della Turchia ha proseguito nella sua fase di recupero dai minimi nei confronti dell’euro nelle ultime tre settimane passando da 4.15 a 3.80 per poi ridiscendere verso quota 4.Il declino della lira turca negli ultimi 12 mesi è eclatante: ha perso il 18% nei confronti della moneta unica toccando i minimi degli ultimi 30 anni (secondo i dati elaborati da Bloomberg) nei confronti del dollaro Usa a quota 3.28. Alla base della debolezza della valuta vi è l’instabilità politica successiva al tentato colpo di Stato della scorsa estate e i più recenti episodi di terrorismo che hanno allontanato gli investitori dalla Turchia. Ciò nonostante, le autorità monetarie di Ankara hanno fatto sapere di monitorare costantemente l’andamento dei cambi e di avere a disposizione ogni mezzo per poter difendere la loro moneta. Oltre a ciò vi sono le previsioni di rallentamento della crescita economica, come stimate dal Fondo Monetario Internazionale e dallo stesso governo turco che hanno rivisto al ribasso la crescita del Pil per il 2016 e 2017. Di contro, vi sono però le proiezioni degli analisti di Standard & Poor’s i quali sostengono che lo scenario peggiore è già stato ampiamente scontato dal mercato e hanno rivisto l’outlook sul rating del Paese da stabile a positivo.