Blob

Pronti alle trivellazioni

10 giugno 2017 Agenzia Nova Foto: Tp 24

ISTANBUL - La Turchia intende iniziare le trivellazioni alla ricerca di idrocarburi nel Mediterraneo prima della fine dell’anno.
Lo ha detto il ministro dell'Energia turco Berat Albayrak durante una visita sulla nave da ricerca sismica Barbaros che si trova nei pressi delle coste della Karpasia, nell’area controllata dalle autorità non riconosciute (se non dalla Turchia) di Cipro del nord. In vista della Conferenza di Ginevra sulla riunificazione dell’isola le parole del ministro alzano nuovamente la tensione e riportano alla ribalta uno dei principali ostacoli che minano il raggiungimento di un’intesa all’annosa questione di Cipro. Ankara intende proseguire le attività attraverso le sue navi di circa “non solo nelle proprie acque, ma anche in quelle di Cipro del nord”, ha detto Albayrak. Da tempo prosegue una disputa fra la Turchia e le autorità ufficialmente riconosciute cipriote.
La Turchia sostiene che una parte della Zona economica esclusiva di Cipro appartenga a una sua piattaforma continentale e ha avvisato a più riprese il Governo di Nicosia a non procedere all'esplorazione e alla perforazione dei giacimenti di gas presenti nell’area, accusandolo di sfruttare queste riserve offshore unilateralmente senza il consenso delle autorità turco cipriote.