Blob

Rapporti Turchia-Russia

martedì 5 aprile 2017 Ambasciata d'Italia ad Ankara Foto:

ANKARA - Lo scorso 10 marzo si è tenuto a Mosca l’High Level Cooperation Council tra Russia e Turchia durante il quale si è parlato di economia, energia e cooperazione militare.
Durante il vertice è stato firmato l’accordo tra il Turkish Wealth Fund (TWF) e il Russian Direct Investment Fund (RDIF) per la creazione di un fondo di investimento congiunto del valore di 1 miliardo di dollari. Durante l’incontro Erdoðan ha ribadito di voler portare l’interscambio tra i due Paesi a 100 miliardi di dollari dai 17 realizzati lo scorso anno. Putin, da parte sua, ha annunciato di voler eliminare l’obbligo del visto per affari per le società turche. Rimangono però in vigore le sanzioni russe sull’importazione di alcuni prodotti agricoli dalla Turchia, tra i quali pomodori, cetrioli, pollame, uva, mele, pere, fragole, causando una perdita agli importatori turchi di 425 milioni di dollari. Una settimana dopo l’incontro tra i due presidenti, la Turchia avrebbe escluso la Russia dalla lista di importatori di cereali esenti da dazio di fatto interrompendo l’importazione di cerali russi, in particolare grano, che attualmente vale 1,83 miliardi di dollari.