Flash

Lista nera di 53 mila foreign fighter

13 luglio 2017 AnsaMed

ISTANBUL - Ci sono i tunisini in testa alla 'lista nera' dei 53 mila sospetti foreign fighter dell'Isis a cui la Turchia vieta l'ingresso per evitare che raggiungano le zone di conflitto in Siria e Iraq o agiscano sul suo territorio.
Lo rivela un rapporto del ministero degli Interni di Ankara, citato da Cumhuriyet. Nell'elenco, gli altri passaporti più numerosi sono quelli di Arabia Saudita, Kazakistan, Francia, Russia e Belgio. Il rapporto offre un quadro inedito perché, come prassi, Ankara non rivela le nazionalità dei sospetti jihadisti per evitare tensioni diplomatiche con i Paesi di origine. Provengono invece da Russia, Iran, Libia e Azerbaigian la maggior parte degli stranieri fermati dalle autorità turche mente cercavano di attraversare illegalmente il confine con la Siria per unirsi ai combattenti del sedicente Stato islamico