Notiziario d'ambasciata

Notiziario d'Ambasciata N. 5




NOTIZIARIO D'AMBASCIATA Lunedì, Marzo 03, 2015  N. 5
ANKARA - Ambasciata d'Italia
19/02 - 27/02/2015

Expo Milano 2015 e opportunità d’investimento in Lombardia: evento ad Istanbul - Il 18 marzo prossimo alle 17.00, si svolgerà a Palazzo di Venezia ad Istanbul l’evento dal titolo: Expo Milano 2015 - “Feeding the Planet, Energy for Life”. L’evento, in lingua italiana e turca, è organizzato da Regione Lombardia, ambasciata d’Italia in Turchia e Deik. Parteciperanno, tra gli altri, il presidente di Regione Lombardia, Roberto Maroni, che illustrerà anche le opportunità di investimento in Lombardia, e il cmmissario generale del padiglione turco, il sottosegretario all’Economia Tarýk Sönmez, che presenterà il padiglione turco. Chi fosse interessato all’evento può segnalare la propria partecipazione a: Ambasciata d’Italia, Ufficio Commerciale, e-mail: comm.ambankara@esteri.it.

@ambankara nuovo profilo twitter dell’ambasciata d’Italia - L’ambasciata d’Italia ad Ankara si è dotata di un profilo twitter. I follower di @ambankara potranno tenersi in costante contatto con l’Ambasciata e ricevere notizie e aggiornamenti relativi alle attività dell’Ambasciata e ai rapporti tra Italia e Turchia. @ambankara, che non sostituirà i classici canali informativi tra ambasciata e connazionali residenti, sarà inoltre uno strumento per trasmettere tempestivamente informazioni di servizio e avvisi importanti.

Giornata B2B con aziende turche alla Camera di Commercio di Milano - Il 25 febbraio alla Camera di Commercio di Milano hanno avuto luogo più di 100 incontri tra 50 imprese della regione e decine di aziende turche principalmente attive nei settori di moda, design e sanità. Oltre agli incontri B2B, è stato firmato anche un protocollo d’intesa per Expo 2015 da Bruno Ermolli, presidente di <Promos>, azienda speciale della Camera di commercio di Milano per l’internazionalizzazione, e Ibrahim Çaglar, presidente della Camera di Commercio di Istanbul. L’accordo prevede altri incontri tra imprese, visite e missioni e facilitazioni per l’ospitalità nel periodo dell'Esposizione Universale di Milano. Il prossimo incontro destinato alle imprese per Expo sarà a Istanbul il 18 marzo. Le esportazioni lombarde in Turchia hanno toccano i 2 miliardi di euro nei primi nove mesi del 2014, rappresentando il 28% delle esportazioni italiane in Turchia, con Milano capolista con 885 milioni di euro, seguita da Brescia (233), Bergamo (203) e Varese (170).

Al ministero dei Trasporti il controllo dei progetti della metropolitana - Il ministero dei Trasporti, degli Affari Marittimi e della Comunicazione assume il controllo della linea metropolitana Yenikapý-Ýncirli, che era sotto il controllo della Municipalità metropolitana di Istanbul, della linea AKM-Kizilay-Terminal della Municipalità metropolitana di Ankara e della linea Meydan-Airport-EXPO della Municipalità metropolitana di Antalya. La risoluzione del Consiglio dei Ministri che modifica le condizioni riguardanti il trasferimento delle responsabilità di completare i lavori dei sistemi ferroviari urbani, metropolitane e altri servizi correlati è stata pubblicata nella gazzetta ufficiale. I costi dei progetti saranno coperti dal bilancio del governo centrale.

<SunExpress>: voli diretti da Roma e Milano a Izmir - A partire dalla stagione estiva 2015, <SunExpress> aggiungerà 16 nuove destinazioni da Izmir e Antalya, ha annunciato l’amministratore delegato della società, Faruk Çizmecioðlu. Così saranno 482 i voli internazionali settimanali della joint venture di <Turkish Airlines> e <Lufthansa>, con partenza da 15 città turche. Çizmecioðlu ha aggiunto che da Izmir, indicata come hub della società, ci saranno 123 voli settimanali verso 36 destinazioni in 14 paesi europei, con l’aggiunta di 6 nuove destinazioni tra cui Roma, Milano, Bruxelles, Tolosa, Baku e Londra. Dopo due anni di 3 forte crescita, SunExpress ha celebrato il suo 25o anniversario con un fatturato record nel 2014, pari 1.25 miliardi di euro, posizionandosi tra le 50 maggiori aziende turche, e facendo segnare un aumento del 15% delle vendite della società.

<FCA Italia> investe in Turchia - <Tofaþ> ha annunciato un programma di aggiornamento della gamma dei veicoli commerciali per il quale ha previsto un investimento di 70 milioni di dollari con il partner FIAT. Il progetto, che verrà realizzato tra il 2016 e il 2021, porterà ad un aumento della produzione di 260 mila veicoli. La produzione verrà realizzata nello stabilimento <Tofaþ> nella provincia di Bursa. L’azienda nei prossimi anni si focalizzerà sulle attività di R&D e sviluppo di nuovi modelli, con previsione di stanziamenti a lungo termine per 250 milioni di euro. <Tofaþ>, azienda di proprietà del <Gruppo Koç>, e <Fiat> investiranno 1 miliardo di dollari per produrre tre nuovi modelli, destinati principalmente ai mercati esteri. Lo stabilimento di Bursa mira a produrre, tra il 2016 e il 2023, 1,3 milioni di veicoli divisi tra due volumi, station wagon e berline.

Levent Çakýroðlu nuovo amministratore delegato di <Koç Holding> -  <Koç Holding>, il più grande conglomerato della Turchia, ha nominato come suo nuovo AD Levent Çakýroðlu, secondo quanto comunicato dalla società alla Piattaforma dell’informativa al pubblico (KAP). L’attuale AD di <Koç Holding>, Turgay Durak, andrà in pensione il 31 marzo. Ex revisore presso il ministero delle finanze turco, Çakýroðlu è attualmente presidente del Gruppo dei beni di consumo durevoli di Koç. In precedenza Çakýroðlu è stato direttore generale di <Arçelik> e direttore generale di <Migros> e <Koçtaþ>.  La Banca Centrale turca taglia i tassi di interesse - Il Comitato di politica monetaria della Banca Centrale turca ha tagliato il tasso di interesse di riferimento dal 7.75% al 7.5%, il tasso overnight dall’11.25% al 10.75% e quello sui prestiti dal 7.5% al 7.25%. A gennaio la Banca aveva già ridotto di 50 punti base il tasso. Il tasso di disoccupazione turco è salito al 10.7% a novembre 2014 - Il tasso di disoccupazione in Turchia è salito al 10.7% a novembre 2014, il livello più alto da ottobre 2010, secondo i dati dell’Istituto di statistica turco (TurkStat). Il tasso di disoccupazione nei settori diversi dall’agricoltura ha raggiunto il 12.7% nel periodo di riferimento. Il tasso di disoccupazione maschile si è attestato al 9.7%, mentre quello femminile al 13%.

Nel mese di febbraio in aumento l’indice di fiducia dei consumatori - Secondo un’indagine effettuata dall’Istituto di statistica turco (TurkStat) e dalla Banca Centrale, l’indice di fiducia dei consumatori ha subito un leggero rialzo dello 0.5% nel mese di febbraio, dopo aver toccato il livello più basso degli ultimi quattro anni. L’indice che si attesta tra 0 e 200 è aumentato da 67.71 punti a gennaio a 68.06 punti a febbraio.

Il debito estero del settore privato ha raggiunto il livello record nel 2014 - Secondo i dati rilasciati dalla Banca Centrale turca, il debito estero in dollari del settore privato è aumentato del 5.2% tra il 2013 e il 2014, da 156 miliardi di dollari nel 2013 a 167 miliardi nel 2014, mentre quello a breve termine è aumentato da 112 miliardi di dollari a 115 miliardi nel periodo considerato. La maggior parte del debito estero (53%) è denominato in dollari, seguono i debiti in euro (31%) e in lire turche (13%). Il servizio del debito estero della Turchia per i prossimi dodici mesi (esclusi gli interessi) è pari a 167 miliardi di dollari. TOP4 Il settore delle costruzioni in Turchia perde 6 miliardi di dollari Il debito del settore delle costruzioni turco è cresciuto di circa 6 miliardi di dollari negli ultimi 2 anni e mezzo a causa del deprezzamento della lira nei confronti del dollaro. A metà del 2012, il cambio del dollaro era intorno a 1,79 lire turche. Il settore delle costruzioni ha contratto il 10% dei 111 miliardi di dollari in prestiti bancari in valuta estera. Il debito del settore verso le banche ha toccato 29 miliardi di dollari. Inoltre, il settore ha preso 5 miliardi di dollari di prestiti dalle banche negli ultimi 2 anni e mezzo, aggiungendo un ulteriore 1,3 miliardi di dollari di interessi sul settore.
 
Gli investimenti esteri in Turchia in lieve calo nel 2014 - Gli investimenti diretti esteri (IDE) in Turchia hanno raggiunto 12.14 miliardi di dollari nel 2014, con un calo dell’1.7% rispetto all’anno precedente, secondo un comunicato del ministero dell’economia. La Turchia ha ricevuto 1.3 miliardi di dollari di investimenti esteri nel dicembre 2014. Il settore manifatturiero ha beneficiato più di tutti con 2.9 miliardi di dollari, seguito dal settore finanziario con 1.53 miliardi di dollari. I dati del Ministero mostrano che il 63.4% di afflusso di capitali (circa 5.51 miliardi di dollari) è proveniente dall’Unione Europea. I dati indicano che sono 3.833 le aziende straniere stabilite nel 2014, in aumento del 29% rispetto al 2013. Il numero totale delle aziende con capitale internazionale in Turchia è di 41.528, di cui 24.606 si trovano a Istanbul, seguita da Antalya con 4.416 aziende.

<Fitch>: la crescita turca supera quella dei BRIC - La Turchia è un grande mercato emergente, con buone prospettive di crescita rispetto ai Paesi BRIC, ha detto il direttore dell’agenzia di rating <Fitch Ratings>, Paul Rawkins. Secondo <Fitch>, l’imprevedibilità della politica monetaria in Turchia comporta una certa debolezza della coerenza e credibilità della politica, rispetto gli altri Paesi presi in considerazione. Rawkins ha aggiunto che la Lira debole, da un lato, aumenta la competitività delle esportazioni turche, mentre dall’altro alimenta rapidamente l’inflazione interna. Rawkins ha detto che il tasso di cambio debole colpisce anche il settore delle imprese. Le previsioni di <Fitch> per l’inflazione media annua per la Turchia sono 6.5% nel 2015 e 5.5% nel 2016. Nel dicembre del 2014, <Fitch Ratings> ha aumentato le previsioni di crescita economica della Turchia per il 2015 al 3%. L’agenzia di rating ha lasciato il credit rating del paese invariato a BBB- nella sua ultima valutazione nel mese di ottobre 2014.

Guida Pratica: Come fare affari in Turchia - A partire da oggi e per i prossimi dieci numeri delle <Cronache Economiche>, pubblicheremo in questa sezione alcune domande e risposte tratte dalla guida ‘Come fare affari in Turchia’, a cura del <Gruppo Diacron>. Fondato nel 1995, il gruppo offre servizi di natura societaria, fiscale, contabile e di amministrazione fiduciaria. La guida completa “Come fare affari in Turchia” può essere scaricata seguendo le istruzioni a questo link.
D: Esistono incentivi per gli investitori stranieri?
R: Al fine di attrarre investimenti stranieri in Turchia il governo non si è limitato a effettuare riforme e a semplificare le procedure burocrati-che, che pure rappresentano fattori decisivi per gli investitori, ma ha anche previsto una serie di incentivi di cui le aziende possono usufru-ire qualora si verifichino alcune condizioni. Gli obiettivi fondamentali di questo schema di incentivazione sono: modificare la struttura economica nazionale incoraggiando gli investimenti suscettibili di ridurre la dipendenza del paese dalle im-portazioni, con particolare riguardo per prodotti semilavorati indi-spensabili in alcuni settori strategici dell’industria; accrescere i 5 trasferimenti tecnologici; accrescere gli investimenti nelle regioni meno sviluppate. Il sistema di incentivi agli investimenti comprende quattro diversi programmi: programma generale di incentivi agli investimenti; programma regionale di incentivi agli investimenti; programma di incentivi agli investimenti su larga scala; programma strategico di incentivi agli investimenti. In funzione dei programmi di incentivi è prevista la suddivisione del territorio nazionale in sei diverse aree: Regione 1: Ankara, Antalya, Bursa, Eskýþehir, Istanbul, Izir, Kocaeli, Muðla. Regione 2: Adana, Aydin, Bolu, Canakkale, Denizli, Edirne, Isparta, Kayseri, Kirklareli, Konya, Sakarya, Tekirdag, Yalova. Regione 3: Balikesir, Bilecik, Burdur, Gaziantep, Karabuk, Karaman, Manisa, Mersin, Samsun, Trabzon, Usak, Zonguldak. Regione 4: Afyonkarahisar, Amasya, Artvin, Bartin, Corum, Duzce, Elazig, Erzincan, Hatay, Kastamonu, Kirikkale, Kýrsehir, Kutahya, Ma-latya, Nevsehir, Rize, Sivas. Regione 5: Adiyaman, Aksaray, Bayburt, Cankiri, Erzurum, Giresun, Gumushane, Kahramanmaras, Kilis, Nigde, Ordu, Osmaniye, Sinop, Tokat, Tunceli, Yozgat. Regione 6: Agri, Ardahan, Batman, Bingol, Bitlis, Diyarbakir, Hakkari, Igdir, Kars, Mardin, Mus, Siirt, Sanliurfa, Sirnak, Van, Bozcaada e Gokceada. Le forme di incentivazione possono riguardare: l’esenzione dall’Iva per l’importazione e la distribuzione di at-trezzature e macchinari; l’esenzione dai dazi doganali di attrezzature e macchinari; la riduzione dell’aliquota dell’imposta sul reddito o dell’impo-sta sulle società (fino a che l’ammontare di riduzione dell’imposta raggiunga i tassi di contributo all’investimento previsti); i contributi previdenziali, tanto a carico del dipendente che del datore di lavoro; l’esenzione dalla ritenuta di acconto; gli interessi sui prestiti legati all’investimento; l’assegnazione di terreni; il rimborso Iva sulle spese di costruzione. Non tutti i programmi di incentivazione degli investimenti esteri prevedono tutti gli incentivi elencati. Per esempio, nel programma ge-nerale si può beneficiare solo dell’esenzione dall’Iva e dell’esenzione dai dazi doganali, mentre nell’ambito di applicazione del programma strategico sono previste tutte le otto forme di incentivazione. Inoltre gli incentivi possono avere un carattere più o meno incisivo a secon-da della regione considerata: per esempio, la percentuale di riduzione dell’imposta sui redditi può variare dal 50%, previsto per la Regione 2, al 90%, per la Regione 6. (copyright Diacron Press)

“Turkey Fair Guide 2015” available online - The Union of Chambers and Commidity Exchanges of Turkey annually publishes the Turkey Fair Guide, which is a comprehensive source for the business world to find all the national and international fairs organized in Turkey. The guide is organized under subject, city, organizer and date of fairs and the additional search function makes it possible to make specific inquiries. The guide is available at www.fairguide.org.tr.

Privatization of the Mining License of Yeniköy Yataðan Elektrik Üretim ve Tic. AÞ - Privatization Administration (PA), announced a pre-qualification tender for the privatization of the Mining License of Yeniköy Yataðan Elektrik Üretim ve Tic. AÞ. The tender has been published in the Official Gazette of 10 february 2015. Companies interested can obtain specifications from the Privatization Administration, T.C. Baþbakanlýk, Özelleþtirme Ýdaresi Baþkanlýðý, Ziya Gökalp Cad. No:80 Kurtuluþ – Ankara, in return for 10.000 TL. Deadline for the pre-qualification applications is set as 13 March 2015.

DSI, Adiyaman - Gömükan Dam Construction Project - General Diretorate of State Hydraulic Works (DSI) is planning to bring the Adýyaman - Gömükhan Dam to construction stage in 2015. The EIA report has been approved and the 6 BOTAÞ’s Þirnak Natural Gas Pipeline Construction Project General Directorate of Petroleum Pipeline Corp (BOTAÞ) is getting ready to announce a tender for the construction of Þýrnak Natural gas pipeline. The project has been included in the investment program as a priority project and is expected to be tendered soon. The investment cost is estimated to be above 200 Million TL. The EIA stage of the project is expected to be completed soon.

Indicatori Macroeconomici
Pil - Nel terzo trimestre del 2014 il tasso di crescita del Pil è stato pari al 1.7% (2,1% nel secondo trimestre). Nel 2013, il tasso di crescita del Pil è stato pari al 4%, in aumento rispetto al 2.2% del 2012.
Inflazione - Nel mese di gennaio 2015, l’inflazione relativa ai beni al consumo in Turchia è stata del 7.24% su base annua. Nel 2014, l’inflazione relativa ai beni al consumo in Turchia è stata pari al 8.17%. Interscambio - con l’Italia Nel 2014, l’Italia si è collocata al quarto posto con 19.2 miliardi di interscambio totale di cui 12 miliardi di import (-6.4%) e 7.1 miliardi di export (+6.3%). Nel periodo, l’Italia si conferma quinto fornitore (dietro Russia, Cina, Germania e Stati Uniti) e quarto cliente (dopo Germania, Iraq e Regno Unito). Nel 2013 l’Italia si era posizionata al quarto posto nella graduatoria dei Paesi partner della Turchia, dopo Germania, Russia e Cina, con un interscambio pari a 19.6 miliardi di dollari.

Borsa di Istanbul -
Borsa di Istanbul (BIST-100) 85.563 al 27 febbraio 2015
Cambio al 27 febbraio 2015 1 Euro = 2,8259 TL 1 Dollaro = 2,5160 TL

Cronache Economiche
A cura di: Filippo Manara In collaborazione con: Ice Agenzia Ufficio Istanbul
Per info: commerciale.ambankara@esteri.it